Una vacanza a Settembre in Toscana tra sagre e prodotti d’eccellenza

Quale posto migliore in cui trovare tradizione, cultura e sapori se non la Toscana?!

La domanda retorica appena fatta diventa ancora più ovvia se la vacanza toscana è a Settembre, perché proprio sul finire dell’Estate e al principio dell’Autunno il clima è perfetto, ma, soprattutto, si moltiplicano le sagre che valorizzano i meravigliosi prodotti locali.

Le campagne, i boschi, le montagne, il mare di questa incredibile regione italiana, appena passato l’arsura d’agosto, sembrano dare il meglio di loro stessi, almeno per ciò che interessa agli amanti dell’enogastronomia.

 

Cosa fare in Toscana a Settembre? Mangiare e bere bene!

Puoi recarti in Toscana alla ricerca di relax, di divertimento, di mostre e concerti, di spiagge, ma in ogni caso ti scontrerai piacevolmente con l’enogastronomia locale. Ogni morso e ogni sorso, dalla colazione alla cena, in questa regione diventa un’esperienza indimenticabile.

Non c’è bisogno di andare in un fast-food per mangiare al volo spendendo poco, perché si possono gustare ottimi prodotti tradizionali a prezzi davvero bassi, semplicemente passeggiando per Firenze o per un’altra delle principali città toscane.

Nel capoluogo lo street food, che tanto è di moda in questi anni, è una consuetudine che si perde nella notte dei tempi. Il panino con il lampredotto acquistato in uno dei chioschi della città è il pranzo tipico dei fiorentini.

Il lampredotto è un piatto per stomaci robusti e palati allenati, vivamente consigliato agli amanti del quinto quarto e in particolare della trippa.

Un altro esempio di pasto ottimo, semplice e conveniente è il 5 e 5 tipico di Livorno. Fondamentalmente esso è un panino farcito con la torta di ceci tipica livornese.

Il nome di questo ottimo cibo di strada risale al secolo scorso quando per acquistarlo si diceva: “mi dia 5 lire di pane e 5 lire di torta”.

Se invece di essere a spasso ci si trova in spiaggia o ai bordi di una piscina di un agriturismo e si vuole mangiare qualcosa di leggero ma gustoso, si può scegliere un’insalata, anzi, visto che siamo in Toscana, un’eccellente panzanella.

Nata come ricetta di recupero del pane, la panzanella è diventata un piatto codificato della cucina toscana. Proprio perché semplice, questa pietanza deve essere fatta di grandi materie prime: pane sciapo raffermo, cipolla locale dolce e fragrante, basilico fresco, olio extravergine d’oliva, aceto. A questi ingredienti di base vengono aggiunti ortaggi come pomodori e cetrioli.

Il pane senza sale tipico della Toscana è alla base anche della pappa al pomodoro e della ribollita, zuppe di origini contadine che deliziano i palati dei toscani da sempre.

Le ricette sarebbero davvero infinite, ma bisogna almeno citare: la bistecca alla fiorentina, il cacciucco, gli gnudi, la rosticciana, le pappardelle al cinghiale, i crostini con i fegatini, le bruschette, i tortelli di patate mugellani, il castagnaccio.

Come è noto, oltre agli ottimi cibi, in Toscana si beve molto bene grazie alle tantissime cantine che producono vini di qualità famosi in tutto il mondo, come ad esempio: Chianti, Brunello di Montalcino, Vernaccia di San Gimignano, Morellino di Scansano.

 

I prodotti tipici di Settembre

Nel periodo che va da Settembre in poi, i boschi regalano grandi eccellenze: castagne, funghi, tartufi.

Basterebbero questi tre prodotti per giustificare una vacanza in Toscana in questo momento dell’anno. Il Mugello, in particolare, è la zona in cui si possono gustare e in cui essi vengono valorizzati al meglio.

Il profumo del tartufo è quello che maggiormente attrae gli esperti di enogastronomia e i palati più raffinati, ma non sono da sottovalutare gli altri due frutti del bosco.

I funghi e le castagne sono sempre molto attesi dai buongustai e le cittadine che li producono e li commercializzano sono prese d’assalto quando vengono organizzate fiere e sagre dedicate ad essi.

I vigneti e gli uliveti sono due patrimoni della regione e di certo il vino e l’olio sono due elementi onnipresenti sulle tavole toscane. Bisogna assolutamente partecipare a degustazioni durante una vacanza toscana oppure semplicemente pranzare o cenare in un agriturismo in cui vengono prodotti.

Ci sono anche eccellenze enogastronomiche che sono da gustare in ogni stagione, come ad esempio i formaggi, i salumi, i legumi e i cereali che vengono conservati e usati durante tutto l’anno.

Un bella merenda sulla cima di una collina con pane sciapo accompagnato da finocchiona, pecorino toscano, lardo di colonnata è una libidine per il palato ed è una coccola per l’anima.

 

 

In vacanza passando di sagra in sagra: in Toscana è possibile

Gli amanti delle sagre e dei piccoli borghi troveranno pane per i loro denti se raggiungeranno la Toscana a Settembre.

Difficile mappare tutte queste feste enogastronomiche che costellano il territorio, ma vediamo di dare qualche indicazione.

Tra fine Agosto e inizio Settembre a Montespertoli vien organizzata la sagra della pappardella, mentre a Vaglia si festeggia la mora e a Greve in Chianti si celebra il Chianti Classico durante i giorni della rassegna dedicata al celebre vino toscano.

A Seravezza nello stesso periodo viene organizzata la sagra di fine Estate e a Carmignano quella dedicata al fico.

Per gli amanti della carne non mancano sagre a base di cinghiale, grigliate e porchetta.

Inoltrandosi verso la metà/fine di Settembre cominciano ad aprire le feste dedicate ai porcini, alla zucca, alla vendemmia e all’uva.

Si arriva ad una conclusione lapalissiana: in Toscana il cibo è Arte!

Agriturismo vicino al Circuito del Mugello per Moto GP 2019 Villa Campestri Olive Oil Resort

 

Pensa a dove dormire durante la tua vacanza

Fino a qualche anno fa le ferie di Settembre erano meno gettonate e si trovavano facilmente stanze in ogni tipo di struttura ricettiva, ma attualmente questo mese è preso d’assalto dai turisti proprio come Luglio e Agosto.

Anche nel momento in cui si sceglie l’albergo, l’agriturismo, il bed and breakfast si può pensare al cibo.

Molto consigliata è la zona del Mugello in cui si troveranno fantastici prodotti da gustare e splendidi posti in cui pernottare.

Per chi vuole fare un’esperienza che unisce raffinatezza a tradizione è possibile scegliere un resort di lusso come Villa Campestri e altre strutture che sorgono nella provincia di Firenze. Per gli amanti di cibo e vino che vogliono partecipare a degustazioni eccellenti in meravigliose ville immerse nella natura, queste sono le soluzioni più indicate.

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini: