Blog

Panno casentino, simbolo di eleganza e toscanità

Panno del casentino con Villa Campestri Olive Oil Resort

La primavera è per eccellenza una mezza stagione dove si alternano giornate di pioggia e giornate di sole, perfette per prendersi un raffreddore e non sapere mai come vestirsi per essere eleganti ma pratici.

Esiste un panno prodotto in Toscana, per la precisione in Casentino, che risolve ogni problema: il panno casetino!

Casentino, luogo di eccellenze

Il Casentino è una delle quattro vallate della provincia di Arezzo dove nasce il fiume Arno che poi attraversa tutta la Toscana bagnando sia Firenze che Pisa.

Questi bellissimi monti sono stati scelti come luogo di preghiera da San Francesco, oggi il convento di Verna, e da San Romualdo l’eremo di Camaldoli, in quanto luoghi isolati e perfetti per il ritiro spirituale.

La presenza di boschi, acqua e un clima favorevole hanno fatto sviluppare anche un’industria agroalimentare di eccellenza, se avete la fortuna di andare in Casentino, ad esempio, non potete perdervi il prosciutto del grigio casentinese.

Tuttavia quello che rappresenta di più il casentino nel mondo è il panno originario di questa valle.

Il panno del casentino e la sua storia

Il panno casentino è diventato così iconico da poter dire indosso un Casentino per sapere che si sta parlando di un iconico cappotto arancio di questa valle.

La scrittrice Mazzantini nel suo best seller Non ti muovere scrive: “Tua madre indossava un cappotto di Casentino, arancione e violento come il sole che avremmo trovato d’estate”.

La tradizione del panno del casentino è molto antica. Già ai tempi degli etruschi e dei romani si trovavano attestazioni di questo panno.

La peculiarità e fama di questo panno di lana è dovuta alla sua resistenza, colore e la tessitura a ricciolo che lo rende unico, impermeabile e caldo.

Nel Medioevo il panno di lana diventa così richiesto che gli abitanti della Valle lo usavano per pagare le tasse ai fiorentini.

La notorietà arriva a Firenze nel tardo Ottocento, la resistenza, il calore e l’impermeabilità del tessuto porta i produttori di Stia a proporlo ai barrocciai come mantelline per i loro cavalli.

I conduttori delle carrozze viste le proprietà del tessuto decidono di usarlo anche per i propri abiti e inconsapevolmente lanciano una nuova moda!

Arancione casentino

La tonalità più famosa del Casentino è l’arancione-casentino, un colore forte, brillante e che tende al rosso.

Anche in questo caso la notorietà del colore ha una storia curiosa e dagli esiti inaspettati.

Il colore tipico non era stato creato intenzionalmente ma per inesperienza dei nuovi prodotti chimici. Fu proprio questo colore unico e sgargiante ad incuriosire i modaioli fiorentini.

Casentino, un cappotto elegante

Il casentino tradizionale si indossa con un collo di volpe, simbolo di eleganza e raffinatezza e di solito è un doppiopetto. Personaggi famosi a Firenze e in tutto il mondo hanno indossato un casentino, tra i più conosciuti: Bettino Ricasoli, Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini.

Questa fortuna fece sviluppare l’industria tessile nel Casentino, i due lanifici più gradi e sempre attivi si trovano a Stia e a Soci(Bibbiena).

Oggi i produttori di cappotti del Casentino offrono piú colori e forme per seguire le tendenze ma senza mai perdere eleganza. Si possono trovare anche mantelle, borse accessori vari fatti di panno casentino.

La Toscana e i suoi gioielli

La Toscana è ricca di storie come questa e di preziosità. Noi ti aspettiamo a Villa Campestri, per condividere con te tutte le nostre conoscenze e consigliarti per la tua vacanza e se volete anche per i vostri acquisti toscani!

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

Pedalare porta molti benefici, specialmente se lo fai nel Mugello

Studi scientifici hanno dimostrato che pedalare porta benefici di più tipi alla salute delle persone dai miglioramenti fisici a quelli mentali. Pedalare in un ambiente stimolante, denso di cultura e paesaggi mozzafiato, rende questa esperienza ancora più soddisfacente. Per questo andare in bicicletta nel Mugello è veramente un’esperienza da non perdere!

I glicini della Toscana

Il glicine è una pianta talmente affascinante che spopola anche sui social, ad aprile e maggio, i mesi di eccellenza per la fioritura si trovano cosí tante foto di glicine che l’hashtag: #wisteriamania diventa di tendenza su Instagram. In Toscana si trovano dei meravigliosi glicini fioriti che sembrano delle cartoline senza tempo!

Il gelato nasce a Firenze?

Il gelato, specialmente appena arriva la bella stagione, è la merenda preferita da bambini e adulti. Uscire per andare a mangiare un gelato puó invogliare anche i più sofferenti al caldo. Si narra che il gelato sia proprio nato qui a Firenze, sarà vero? Scopriamolo insieme!

La via degli Dei e il Mugello

Tutta l’Europa è cosparsa di vie antiche che tutt’ora si possono percorrere e che ultimamente stanno attraendo sempre più turisti. Basti pensare che negli anni il cammino di Santiago di Compostela è diventato così conosciuto che addirittura ci hanno girato vari film. In Italia c’è un percorso meno battuto e bellissimo che vi consigliamo di […]

Panno casentino, simbolo di eleganza e toscanità

La primavera è per eccellenza una mezza stagione dove si alternano giornate di pioggia e giornate di sole, perfette per prendersi un raffreddore e non sapere mai come vestirsi per essere eleganti ma pratici. Esiste un panno prodotto in Toscana, per la precisione in Casentino, che risolve ogni problema: il panno casetino!

I biscotti quaresimali, biscotti toscani per eccellenza

Prima di Pasqua nei forni e nelle pasticcerie toscane si trovano dei biscotti a forma di lettera color cacao. Se siete in questo periodo nel Mugello o in una altra zona della Toscanaè difficile non essere incuriositi e attratti da questi famosi biscotti toscani: i quaresimali!

Lo scoppio del carro, una tradizione tutta fiorentina

A Firenze teniamo molto alle nostre tradizioni, specialmente quelle più antiche e particolari. E se vi dicessimo che per Pasqua facciamo volare una colombina con 4 razzi su una corda lunga 150 metri che parte proprio dall’altare della nostra chiesa più importante e fa scoppiare un carro? Leggete il nostro articolo per scoprire la tradizione […]

La bistecca alla fiorentina

Ogni visitatore curioso si trova ad assaggiare il cibo del luogo che visita. Bisogna ammettere che in Toscana ogni turista sarà certamente fortunato perché tra vini pregiati, ottimi formaggi, prezioso olio extra vergine d’oliva ogni palato viene soddisfatto. La pietanza che mette d’accordo tutti e che non si può scordare di assaggiare se vi trovate […]