Blog

Panno casentino, simbolo di eleganza e toscanità

Panno del casentino con Villa Campestri Olive Oil Resort

La primavera è per eccellenza una mezza stagione dove si alternano giornate di pioggia e giornate di sole, perfette per prendersi un raffreddore e non sapere mai come vestirsi per essere eleganti ma pratici.

Esiste un panno prodotto in Toscana, per la precisione in Casentino, che risolve ogni problema: il panno casetino!

Casentino, luogo di eccellenze

Il Casentino è una delle quattro vallate della provincia di Arezzo dove nasce il fiume Arno che poi attraversa tutta la Toscana bagnando sia Firenze che Pisa.

Questi bellissimi monti sono stati scelti come luogo di preghiera da San Francesco, oggi il convento di Verna, e da San Romualdo l’eremo di Camaldoli, in quanto luoghi isolati e perfetti per il ritiro spirituale.

La presenza di boschi, acqua e un clima favorevole hanno fatto sviluppare anche un’industria agroalimentare di eccellenza, se avete la fortuna di andare in Casentino, ad esempio, non potete perdervi il prosciutto del grigio casentinese.

Tuttavia quello che rappresenta di più il casentino nel mondo è il panno originario di questa valle.

Il panno del casentino e la sua storia

Il panno casentino è diventato così iconico da poter dire indosso un Casentino per sapere che si sta parlando di un iconico cappotto arancio di questa valle.

La scrittrice Mazzantini nel suo best seller Non ti muovere scrive: “Tua madre indossava un cappotto di Casentino, arancione e violento come il sole che avremmo trovato d’estate”.

La tradizione del panno del casentino è molto antica. Già ai tempi degli etruschi e dei romani si trovavano attestazioni di questo panno.

La peculiarità e fama di questo panno di lana è dovuta alla sua resistenza, colore e la tessitura a ricciolo che lo rende unico, impermeabile e caldo.

Nel Medioevo il panno di lana diventa così richiesto che gli abitanti della Valle lo usavano per pagare le tasse ai fiorentini.

La notorietà arriva a Firenze nel tardo Ottocento, la resistenza, il calore e l’impermeabilità del tessuto porta i produttori di Stia a proporlo ai barrocciai come mantelline per i loro cavalli.

I conduttori delle carrozze viste le proprietà del tessuto decidono di usarlo anche per i propri abiti e inconsapevolmente lanciano una nuova moda!

Arancione casentino

La tonalità più famosa del Casentino è l’arancione-casentino, un colore forte, brillante e che tende al rosso.

Anche in questo caso la notorietà del colore ha una storia curiosa e dagli esiti inaspettati.

Il colore tipico non era stato creato intenzionalmente ma per inesperienza dei nuovi prodotti chimici. Fu proprio questo colore unico e sgargiante ad incuriosire i modaioli fiorentini.

Casentino, un cappotto elegante

Il casentino tradizionale si indossa con un collo di volpe, simbolo di eleganza e raffinatezza e di solito è un doppiopetto. Personaggi famosi a Firenze e in tutto il mondo hanno indossato un casentino, tra i più conosciuti: Bettino Ricasoli, Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini.

Questa fortuna fece sviluppare l’industria tessile nel Casentino, i due lanifici più gradi e sempre attivi si trovano a Stia e a Soci(Bibbiena).

Oggi i produttori di cappotti del Casentino offrono piú colori e forme per seguire le tendenze ma senza mai perdere eleganza. Si possono trovare anche mantelle, borse accessori vari fatti di panno casentino.

La Toscana e i suoi gioielli

La Toscana è ricca di storie come questa e di preziosità. Noi ti aspettiamo a Villa Campestri, per condividere con te tutte le nostre conoscenze e consigliarti per la tua vacanza e se volete anche per i vostri acquisti toscani!

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

I modi di dire fiorentini più comuni

Passeggiando per le strade di Firenze si possono sentire molte espressioni vernacolari tipiche del capoluogo toscano. Tra storia e leggende, scopriamo insieme non solo quali sono i modi di dire più comuni, ma anche da dove hanno avuto origine.

Tre salumi toscani che non puoi perderti!

Spesso nei ristoranti e nelle osterie toscane il cameriere vi consiglia di prendere come antipasto un tagliere di formaggi e salumi toscani. Il consiglio è sempre ben accetto anche perché alcuni di questi buonissimi insaccati sono imperdibili e non facili da trovare in altre regioni! Scopriamo insieme tre tra i migliori salumi toscani!

Le 4 piazze più belle di Firenze

Visitare Firenze e selezionare poche cose da vedere perché magari si ha poco tempo e si vuole tornare a rilassarsi nelle colline toscane non è facile, per questo vi consigliamo noi le quattro piazza più belle di Firenze!

Pinocchio, una storia Toscana

Pinocchio è uno dei libri più letti al mondo, scopriamo insieme alcune curiosità e dove è possibile vivere ancora, in Toscana, la magia del burattino più avventuroso della storia!

5 consigli per un picnic perfetto in Toscana

La stagione primaverile invita a passare più tempo possibile all’aria aperta, specialmente se vi trovate nella bellissima campagna toscana. Per organizzare un pic nic, e quindi approfittare fino in fondo di una gita outdoor, servono alcuni piccoli accorgimenti, e noi condivideremo 5 principali consigli da seguire!

Calcio Fiorentino, lo sport di Firenze

Sembra incredibile ma ogni città in Toscana ha la propria tradizione sportiva spesso in concomitanza con il Santo patrono della città. A Firenze infatti il giorno di San Giovanni Battista, Santo patrono della città si celebra la partita finale del Calcio storico.

Ricciarelli, il dolce senese per eccellenza senza glutine e senza latte!

Quando si pensa alla buonissima cucina tradizionale Toscana non si immagina che esistono anche delle ricette addirittura senza glutine e senza latte. Oggi giorni le intolleranze sono sempre più diffuse e di conseguenza il mercato crea alimenti appositamente privati di glutine e latte ma ci sono alcuni dolci che già lo sono da tradizione come […]

Una breve guida alle mura più belle della Toscana

La Toscana, come del resto tutta l’Italia, fino all’Unità è stata divisa in più regni ognuno indipendente dall’altro e ognuno pronto a difendersi. A ricordo dei tempi di divisione e lunghe lotte rimangono meravigliosi borghi e città fortificate con le loro alte mura sparsi per tutta la Toscana.