Blog

Lo scoppio del carro, una tradizione tutta fiorentina

Tradizione dello scoppio del carro fiorentino con Villa Campestri Olive Oil Resort

A Firenze teniamo molto alle nostre tradizioni, specialmente quelle più antiche e particolari.

E se vi dicessimo che per Pasqua facciamo volare una colombina con 4 razzi su una corda lunga 150 metri che parte proprio dall’altare della nostra chiesa più importante e fa scoppiare un carro?

Leggete il nostro articolo per scoprire la tradizione dello scoppio del carro!

Una tradizione lunga secoli

La tradizione dello scoppio del carro va molto indietro nel tempo, addirittura all’epoca delle crociate.

Nel lontano 1097 durante una crociata per la liberazione del Santo Sepolcro si narra che un valoroso fiorentino, Pazzino de’Pazzi, fu il primo crociato a salire sulle mura della Città Santa e issare la bandiera bianca con la croce rossa simbolo dei crociati e della liberazione.

Per riconoscenza Goffredo di Buglione, il comandante della crociata, dona a Pazzino tre schegge del Santo Sepolcro.

Pazzino tornato a Firenze viene accolto come un eroe e le sacre reliquie del Santo Sepolcro conservate con grande solennità prima nel palazzo di famiglia e poi in varie chiese fino ad arrivare alla Chiesa dei Santi Apostoli, dove tutt’ora, mille anni dopo, sono custodite.

Come arriviamo da una reliquia allo scoppio del carro?

Il sacro fuoco

Il fuoco ha valore purificativo e il fuoco sprigionato dallo sfregamento delle tre schegge di pietra portate da Pazzino direttamente dalla terra liberata avevano un valore ancora più importante per i fiorentini.

Iniziò la tradizione di riunirsi a casa Pazzi per poter accendere la propria piccola torcia al fuoco sacro e poi portare la fiamma purificatrice a casa propria.

La famiglia Pazzi passò momenti non gloriosi a Firenze e anche la tradizione del fuoco sacro cambiò.

Presto venne utilizzato, per semplificazione e praticità, un carro che trasportava carboni ardenti infuocati dove le persone potevano accendere le proprie torce e portarle nelle proprie abitazioni.

Questo carro con i fuochi ardenti si trasforma negli anni nel carro che viene fatto esplodere ogni anno a Pasqua a Firenze, capiamo insieme come.

Lo scoppio del carro oggi

Oggi la simbologia del fuoco purificatore ha sembianze differenti ma sempre legate alla tradizione.

A Firenze per Pasqua il carro che poi diffonde simbolicamente il fuoco è incendiato da una colomba, la colombina, che parte dall’altare principale della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Duomo di Firenze, e colpisce il carro.

La colombina è una colomba finta con 4 razzi attaccati che percorre 150 metri su un filo verso il carro per poi tornare indietro.

L’esplosione del carro è uno spettacolo pirotecnico dai colori accesi e anche molto rumoroso che simboleggia la distribuzione a tutta la città del fuoco Benedetto proprio come secoli prima aveva fatto Pazzino de’ Pazzi.

Una colombina molto importante

Fondamentale è che la colombina non si blocchi e che porti a termine il suo compito di colpire il carro, chiamato in fiorentino brindellone, per poter esser di buon auspicio.

Nel 1966, ad esempio, la colombina si bloccò e quell’anno è tristemente noto in tutto il mondo per l’alluvione che colpì duramente Firenze e tutta la Toscana.

Ti aspettiamo a Villa Campestri per scoprire le nostre tradizioni

Vi aspettiamo a Villa Campestri per ospitarvi e indicarvi le tradizioni più antiche e importanti del nostro territorio e per rilassarvi nella nostra bellissima Toscana.

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

Calcio Fiorentino, lo sport di Firenze

Sembra incredibile ma ogni città in Toscana ha la propria tradizione sportiva spesso in concomitanza con il Santo patrono della città. A Firenze infatti il giorno di San Giovanni Battista, Santo patrono della città si celebra la partita finale del Calcio storico.

Ricciarelli, il dolce senese per eccellenza senza glutine e senza latte!

Quando si pensa alla buonissima cucina tradizionale Toscana non si immagina che esistono anche delle ricette addirittura senza glutine e senza latte. Oggi giorni le intolleranze sono sempre più diffuse e di conseguenza il mercato crea alimenti appositamente privati di glutine e latte ma ci sono alcuni dolci che già lo sono da tradizione come […]

Una breve guida alle mura più belle della Toscana

La Toscana, come del resto tutta l’Italia, fino all’Unità è stata divisa in più regni ognuno indipendente dall’altro e ognuno pronto a difendersi. A ricordo dei tempi di divisione e lunghe lotte rimangono meravigliosi borghi e città fortificate con le loro alte mura sparsi per tutta la Toscana.

Pedalare porta molti benefici, specialmente se lo fai nel Mugello

Studi scientifici hanno dimostrato che pedalare porta benefici di più tipi alla salute delle persone dai miglioramenti fisici a quelli mentali. Pedalare in un ambiente stimolante, denso di cultura e paesaggi mozzafiato, rende questa esperienza ancora più soddisfacente. Per questo andare in bicicletta nel Mugello è veramente un’esperienza da non perdere!

I glicini della Toscana

Il glicine è una pianta talmente affascinante che spopola anche sui social, ad aprile e maggio, i mesi di eccellenza per la fioritura si trovano cosí tante foto di glicine che l’hashtag: #wisteriamania diventa di tendenza su Instagram. In Toscana si trovano dei meravigliosi glicini fioriti che sembrano delle cartoline senza tempo!

Il gelato nasce a Firenze?

Il gelato, specialmente appena arriva la bella stagione, è la merenda preferita da bambini e adulti. Uscire per andare a mangiare un gelato puó invogliare anche i più sofferenti al caldo. Si narra che il gelato sia proprio nato qui a Firenze, sarà vero? Scopriamolo insieme!

La via degli Dei e il Mugello

Tutta l’Europa è cosparsa di vie antiche che tutt’ora si possono percorrere e che ultimamente stanno attraendo sempre più turisti. Basti pensare che negli anni il cammino di Santiago di Compostela è diventato così conosciuto che addirittura ci hanno girato vari film. In Italia c’è un percorso meno battuto e bellissimo che vi consigliamo di […]

Panno casentino, simbolo di eleganza e toscanità

La primavera è per eccellenza una mezza stagione dove si alternano giornate di pioggia e giornate di sole, perfette per prendersi un raffreddore e non sapere mai come vestirsi per essere eleganti ma pratici. Esiste un panno prodotto in Toscana, per la precisione in Casentino, che risolve ogni problema: il panno casetino!