Blog

Arte e Storia si incontrano a Vicchio

Arte e storia si incontrano a Vicchio con Villa Campestri Olive Oil Resort

quale vivono poco più di 8000 abitanti. Si tratta del luogo in cui ebbero origine due pittori fondamentali per la storia dell’arte italiana. Questi sono Giotto, vissuto tra ‘200 e ‘300 e di cui si conserva ancora la casa natale all’interno del comune, e il Beato Angelico, che operò durante il Rinascimento quattrocentesco.

I soggiorni del Carducci presso una famiglia nobile locale, inoltre, portarono alla messa in posa della statua che celebra proprio il padre della prospettiva, ovvero Giotto, nella piazza centrale del paese.

Il forte legame con Giotto e il Museo Beato Angelico

Giotto, un artista di indiscussa fama mondiale, era molto legato al territorio del Mugello.

È importante poi il fatto che uno dei suoi figli, diventato priore della chiesa di San Martino a Vespignano grazie agli sforzi del padre, abbia successivamente svolto incarichi in qualità di suo procuratore in Mugello. Inoltre, tre delle quattro figlie di Giotto andarono in sposa ad altrettanti uomini che vivevano in questo territorio, suggellando indelebilmente il legame con la terra natale del pittore ed architetto toscano.

Per quanto riguarda il Beato Angelico, a lui è intitolato il Museo di Arte Sacra e Religiosità Popolare inaugurato nel 2000. Al suo interno sono esposte numerose opere preservate a partire dagli anni Sessanta, inoltre, di fronte all’edificio si erge il monumento di bronzo dedicato al pittore, rappresentato come il monaco domenicano che effettivamente era.

Lo sguardo della scultura è rivolto verso il cielo, mentre con le mani stringe al petto gli strumenti di lavoro che gli permisero di creare i suoi famosi capolavori. L’autore è Sergio Benvenuti che ha realizzato una statua analoga, ma con leggere varianti, esposta nella Basilica di San Marco a Firenze.

Il terremoto di Vicchio e le vicende della Seconda Guerra Mondiale

Nell’estate del 1919 Vicchio fu scossa da uno dei maggiori sismi nella storia italiana del secolo scorso, che raggiunse magnitudo 6,2.

Questo fece crollare 700 delle 1500 case allora esistenti. Altre 500 rimasero così danneggiate da non essere più abitabili. Da un lato le vittime furono più di cento, una quantità contenuta grazie al fatto che la scossa peggiore fu preceduta da alcune minori che allarmarono la gente.

Anche il momento in cui il terremoto avvenne, ovvero il pomeriggio, garantì la sopravvivenza della maggior parte della popolazione, impegnata nei campi.

Anche nella seconda metà della Seconda Guerra Mondiale, la popolazione di Vicchio fu vittima di alcune vicende luttuose. Il 6 marzo del 1944 venne occupata dai partigiani, che catturarono e fucilarono dei simpatizzanti fascisti.

Dopo meno di una settimana, il 12 marzo, alcuni militi della Repubblica di Salò effettuarono dei rastrellamenti, trovando coloro che il 22 marzo si convertirono nei tristemente noti martiri del Campo di Marte.

Vicchio, un paese tutto da scoprire

Vicchio è oggi una deliziosa cittadina ricca di storia, arte e cultura, che offre attrazioni per molti turisti e una cucina locale davvero deliziosa.

Se anche tu vuoi scoprire la bellissima Vicchio ti aspettiamo a Villa Campestri Olive Oil Resort!

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

I laghi per la pesca sportiva nel Mugello

Ci sono alcune zone del territorio italiano dove la pratica di determinate attività sportive raggiunge il suo massimo. Appassionati, principianti e professionisti si riversano in massa in questi luoghi. I laghi per la pesca sportiva nel Mugello rappresentano un approdo sicuro per i cultori del genere. La varietà di specie è notevole e ciò spinge […]

Giotto, il pittore toscano entrato nel mito

Tra gli artisti che sono nati in Toscana, ci sono moltissimi pittori che hanno segnato in maniera indelebile la Storia dell’Arte. Questo è dovuto al fatto che non solo hanno rivoluzionato il modo di rappresentare la realtà, ma anche perché hanno saputo influenzare profondamente le produzioni artistiche. Questo vale sia per quelle ad essi contemporanee, […]

In viaggio alla scoperta dei prodotti tipici toscani

Come tutte le regioni dell’Italia, anche la Toscana può vantare una ricchissima offerta di prodotti tipici, prelibati e saporiti, degni di ogni palato fine. Inoltre questo territorio è caratterizzato sia da paesaggi meravigliosi, sia da patrimoni artistici e culturali di inestimabile valore. Dunque non c’è da meravigliarsi se la Toscana è ogni anno la meta […]

Il pecorino toscano, formaggio DOP dal sapore inconfondibile

Tra i prodotti che la ricchissima tradizione gastronomica della Toscana può offrire, rientra senza dubbio il pecorino toscano DOP. Si tratta di un formaggio ovino davvero molto saporito e per questo apprezzato dalle buone forchette.

Arte e Storia si incontrano a Vicchio

quale vivono poco più di 8000 abitanti. Si tratta del luogo in cui ebbero origine due pittori fondamentali per la storia dell’arte italiana. Questi sono Giotto, vissuto tra ‘200 e ‘300 e di cui si conserva ancora la casa natale all’interno del comune, e il Beato Angelico, che operò durante il Rinascimento quattrocentesco. I soggiorni […]

Valle del Mugello, la meta perfetta per gli appassionati di moto

Immersa nella campagna Toscana la valle del Mugello ospita il famoso autodromo internazionale del Mugello. Si tratta di un circuito automobilistico e motociclistico italiano, il Mugello Circuit che si compone di 15 curve ed è lungo 5245 metri, per una superficie totale di quasi 170 ettari. Attualmente è proprietà della casa automobilistica Ferrari, che l’ha […]

Quali sono i maggiori esponenti dell’arte toscana?

La Toscana è una regione che ha dato i natali a moltissimi artisti riconosciuti a livello mondiale. Nei secoli, questa regione è stata protagonista di floridissimi scambi commerciali, oltre che teatro di alcune delle corti più raffinate che la storia europea abbia visto. Tutto questo si riscontra attraverso le opere d’arte, che hanno abbracciato i […]

I modi di dire fiorentini più comuni

Passeggiando per le strade di Firenze si possono sentire molte espressioni vernacolari tipiche del capoluogo toscano. Tra storia e leggende, scopriamo insieme non solo quali sono i modi di dire più comuni, ma anche da dove hanno avuto origine.