Blog

Olio extravergine d’oliva: ecco come imparare a degustarlo

Non tutti gli oli extravergine d’oliva sono uguali. Come accade per il vino, così l’aroma e il sapore di un olio, si formano grazie alla concomitanza di una serie di elementi: dalla specie di ulivo piantato, al tipo di terreno e al modo in cui è stato coltivato, fino al modo in cui è stata fatta la raccolta. Ad esempio un olio extravergine di oliva ricavato da olive verdi tenderà ad avere un sapore più amaro, che ricorda l’erba o il carciofo, mentre quello ricavato da olive più mature ha un sapore più floreale.Ma come si fa esattamente a degustare l’olio? Come insegna Gemma Pasquali, esperta assaggiatrice di olio extravergine e iscritta nell’elenco nazionale assaggiatori, per degustare un olio servono soprattutto due sensi, olfatto e gusto: il colore di un olio infatti non serve a stabilirne la qualità, tanto che spesso le degustazioni vengono fatte in bicchieri di colore blu.

La procedura è semplice: innanzitutto bisogna versare una piccola quantità di olio in un’ampolla di vetro che va poi riscaldata con le mani; all’interno l’olio viene fatto roteare dolcemente per far sprigionare il profumo; a questo punto si annusa intensamente; poi si mette in bocca un sorso di olio, lo si divide ai due lati della bocca e si “strippa” ovvero si inspira aria attraverso i denti, una tecnica che permette di ossigenare l’olio; infine l’olio viene fatto roteare in bocca per assaporarne meglio l’aroma.

Grazie a questi semplici passaggi è possibile così testare fino in fondo l’aroma di un olio, la sua forza e le sue caratteristiche, che differenziano l’uno dall’altro.

Vi piacerebbe seguire un’esperienza sensoriale o avere qualche ispirazione per un’idea di viaggio originale? Provate il nostro pacchetto “Amore e un filo d’olio” o i percorsi sensoriali organizzati a Villa Campestri Olive Oil Resort: avrete la possibilità di degustare tre tipi diversi di olio, imparando a riconoscere proprietà e caratteristiche di ciascuno.

Per maggiori informazioni potete telefonare allo 055.8490107 o scrivere a villa.campestri@villacampestri.it

{plusone}

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

La famiglia Medici e il Mugello

Il territorio del Mugello è denso di tradizioni e storia ed è fortemente legato allo sviluppo della famiglia Medici. Ancora oggi è possibile immaginare il forte impatto di questa dinastia sul territorio visitando leVille a loro appartenute. Scopri con noi questa storica famiglia!

Pici, una ricetta veramente Toscana

Un piatto di spaghetti mette d’accordo grandi e piccini, risolve qualunque indecisioni sul menù famigliare ed è sempre una buona scelta al ristorante! Se vi dicessimo che esiste un tipo di pasta puramente Toscana che è ancora più buona? I pici!

Una giornata al Lago Viola del Mugello

A soli 5 km da Villa Campestri è situato, tra la poderosa fauna verde e le colline di Vicchio, un grazioso e incantevole laghetto artificiale: Il Lago Viola, realtà conosciuta e apprezzata nel Mugello, e non solo, per via della famosa attività di pesca sportiva, per il rinomato ristorante Lago Viola e per il relax […]

Gli imperdibili 5 di Firenze

Gli abitanti di Firenze sono molto orgogliosi delle loro origini e di provenire da una città così ricca di storia, bellezza e arte. Un fiorentino riuscirebbe ad elencare solo 5 imperdibili opere d’arte da vedere in città? Ci proviamo in questo articolo!

Camminare nella campagna toscana fa bene

Vi è mai capitato di cercare musica rilassante per prendere sonno o per leggere un libro? Spesso la playlist che troverete riproduce i rumori piacevoli della campagna, con un po’ di vento che muove le foglie, uccellini e quella sensazione di pace diffusa che si prova camminando nella natura. Ecco tutto questo lo puoi provare […]

Periodo di raccolta delle olive in Toscana: tutto quello che c’è da sapere

La raccolta delle olive è un procedimento molto delicato ai fini del raggiungimento di un olio extra vergine di alto livello. Per questo motivo Villa Campestri Olive Oil Resortadotta il miglior metodo e sfrutta l’idealeperiodo di raccolta delle olive in Toscana. Scopri di più su questo affascinante mondo!

La vita è troppo breve per non bere Chianti Classico

Spesso quando pensiamo alla Toscana e alle sue tradizioni, ci vengono in mente le ottime bottiglie di Chianti Classico, simboleggiate dal Gallo Nero. Come mai questo vino ha un gallo nero come simbolo e cosa vuol dire veramente Chianti Classico? Scoprilo con noi!

Castagnaccio, il dolce giusto per l’autunno in Mugello

Ogni stagione ha il suo dolce e ogni zona d’Italia i suoi ingredienti locali. I meravigliosi boschi colorati di rosso, arancione e giallo del Mugello in autunno sono ricchi di castagne, infatti il dolce tipico di queste giornate di autunno è proprio il castagnaccio.