Blog

Il 2017 è stato davvero l’anno nero della produzione di Olio in Toscana?

2017 produzione Olio Toscana di Villa Campestri Olive Oil Resort

La produzione di Olio in Toscana regala ogni anno un’ampia selezione di Oli extravergini di oliva davvero eccellenti, per sapore, gusto e caratteristiche organolettiche. Si legge sul web che il 2017 è stato l’anno nero della produzione di Olio in Toscana ma in realtà non è così.

La produzione di Olio in Toscana

Le caratteristiche del territorio regionale, gli ecosistemi così diversi tra di loro dalla montagna alle ridenti colline, per poi raggiungere il mare, fanno della Toscana una regione unica.

È in questo contesto che nasce l’Olio extravergine di oliva della Toscana, con i sui gusti inconfondibili, specchio del territorio dal quale proviene.

L’Olio toscano, infatti, ricorda quei sentori vegetali tipici della zona di provenienza, leggermente diversi ogni anno, perché sensibili alla variabilità del clima, al momento della raccolta, alla corretta lavorazione e conservazione.

Il patrimonio olivicolo della Toscana è formato da oltre 15 milioni di piante, delle quali più del 90% è costituito da poche varietà:

  • Frantoio;
  • Moraiolo;
  • Leccino;
  • Maurino;
  • Pendolino.

Negli oliveti toscani sono comunque presenti anche numerose altre varietà minori che sono state censite e studiate attraverso approfondite indagini.

Si tratta quindi di un immenso patrimonio genetico, selezionato e riprodotto localmente nel corso dei secoli, che forma con l’ambiente naturale un insieme inscindibile che, unitamente all’azione dell’uomo anch’essa frutto di secolari tradizioni, contribuisce a caratterizzare questo Olio speciale.

2017: anno nero per la produzione dell’Olio in Toscana

Potrebbe sembrare che una delle colture simbolo della Toscana ha subito un duro colpo nel 2017 ma non è così!

In effetti il raccolto del 2017 è stato decisamente scarso rispetto alle aspettative e alle annate precedenti a causa di piante con pochi frutti e in alcuni casi piante totalmente prive di frutti.

Si stima che la perdita del raccolto sia intorno al 40-50% del raccolto annuale, nonostante non vi sia stata traccia della mosca olearia che nelle annate precedenti aveva infettato le piante oppure di altri parassiti.

Ma allora a cosa è dovuto questo drastico calo nella produzione? Purtroppo da un fenomeno sempre più preoccupante: caldo e siccità. Durante il periodo primaverile le temperature si sono alzate ben oltre le medie stagionali. Queste impennate di temperature e la mancanza di piogge ha purtroppo compromesso le produzioni delle piante.

Le varietà che hanno accusato maggiormente la siccità del 2017 sembrano essere Moraiolo e Leccino, mentre quella Frantoio si è distinta mantenendo una discreta resa.

A compensare una così magra produzione è però la qualità dell’Olio, che grazie all’assenza del patogeno mosca olearia è davvero eccellente.

Il motto dell’anno nero per la produzione dell’Olio in Toscana potrebbe essere quindi: “poco ma buono!”.

A Villa Campestri la passione per l’Olio è qualcosa di speciale che fa parte della nostra famiglia.

Con orgoglio produciamo un Olio che nasce da un’oliveta secolare, da olive lavorate nel frantoio aziendale e assaporato, ampolle alla mano, nei corsi di degustazione della nostra Oleoteca, una realtà unica i cui principi di produzione e conservazione dell’Olio vengono adottati dai migliori ristoranti stellati del mondo.

Se anche tu vuoi degustare il nostro eccellente Olio ti aspettiamo nel Mugello a Villa Campestri Olive Oil Resort, il primo Olive Oil Resort del mondo!

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

La famiglia Medici e il Mugello

Il territorio del Mugello è denso di tradizioni e storia ed è fortemente legato allo sviluppo della famiglia Medici. Ancora oggi è possibile immaginare il forte impatto di questa dinastia sul territorio visitando leVille a loro appartenute. Scopri con noi questa storica famiglia!

Pici, una ricetta veramente Toscana

Un piatto di spaghetti mette d’accordo grandi e piccini, risolve qualunque indecisioni sul menù famigliare ed è sempre una buona scelta al ristorante! Se vi dicessimo che esiste un tipo di pasta puramente Toscana che è ancora più buona? I pici!

Una giornata al Lago Viola del Mugello

A soli 5 km da Villa Campestri è situato, tra la poderosa fauna verde e le colline di Vicchio, un grazioso e incantevole laghetto artificiale: Il Lago Viola, realtà conosciuta e apprezzata nel Mugello, e non solo, per via della famosa attività di pesca sportiva, per il rinomato ristorante Lago Viola e per il relax […]

Gli imperdibili 5 di Firenze

Gli abitanti di Firenze sono molto orgogliosi delle loro origini e di provenire da una città così ricca di storia, bellezza e arte. Un fiorentino riuscirebbe ad elencare solo 5 imperdibili opere d’arte da vedere in città? Ci proviamo in questo articolo!

Camminare nella campagna toscana fa bene

Vi è mai capitato di cercare musica rilassante per prendere sonno o per leggere un libro? Spesso la playlist che troverete riproduce i rumori piacevoli della campagna, con un po’ di vento che muove le foglie, uccellini e quella sensazione di pace diffusa che si prova camminando nella natura. Ecco tutto questo lo puoi provare […]

Periodo di raccolta delle olive in Toscana: tutto quello che c’è da sapere

La raccolta delle olive è un procedimento molto delicato ai fini del raggiungimento di un olio extra vergine di alto livello. Per questo motivo Villa Campestri Olive Oil Resortadotta il miglior metodo e sfrutta l’idealeperiodo di raccolta delle olive in Toscana. Scopri di più su questo affascinante mondo!

La vita è troppo breve per non bere Chianti Classico

Spesso quando pensiamo alla Toscana e alle sue tradizioni, ci vengono in mente le ottime bottiglie di Chianti Classico, simboleggiate dal Gallo Nero. Come mai questo vino ha un gallo nero come simbolo e cosa vuol dire veramente Chianti Classico? Scoprilo con noi!

Castagnaccio, il dolce giusto per l’autunno in Mugello

Ogni stagione ha il suo dolce e ogni zona d’Italia i suoi ingredienti locali. I meravigliosi boschi colorati di rosso, arancione e giallo del Mugello in autunno sono ricchi di castagne, infatti il dolce tipico di queste giornate di autunno è proprio il castagnaccio.