Blog

Minestra di cavolo nero: prelibatezze della tradizione antica

Minestra di cavolo nero di Villa Campestri

La cucina tipica toscana è ricca di piatti genuini dal sapore antico.

Chi pensa che la cucina toscana sia fatta solo di ricette a base di carne si sbaglia di grosso.

Quella toscana è una cucina contadina, ricca di tante verdure tra cui il cavolo nero, da cui si ottiene la squisita “Minestra di cavolo nero”.

Le proprietà del cavolo nero

Il cavolo nero è un ortaggio autunnale – invernale, ottimo per le insalate ma soprattutto cotto.

Da un punto di vista botanico appartiene alla famiglia delle Crucifere, sono piante erbacee comprendenti circa 300 generi e 4000 specie, si trovano nel bacino del Mediterraneo.

Quando vengono cotti, tutti i cavoli emanano un odore molto forte e particolare perché sono ricchi di composti di zolfo, che vengono liberati durante la cottura.

Ecco le proprietà nutrizionali del cavolo nero:

  • Ha poche calorie e molte fibre;
  • Ha un buon contenuto di calcio, ferro, magnesio e zinco oltre che di vitamina A e C per cui aiuta il funzionamento delle ossa, del sistema immunitario, della pelle e degli occhi;
  • E’ ricco di vitamina K;
  • Ha proprietà cardioprotettive e un effetto antiossidante.

Il cavolo nero nella cucina tipica toscana

Il cavolo nero occupa un posto d’onore nella cucina tipica toscana, è infatti utilizzato in numerose ricette come:

Bruschetta di cavolo nero;
Pesto invernale di cavolo nero;
Torta di cavolo nero e porri;
Ribollita;
Minestra di cavolo nero.

Già al tempo dei romani si coltivava un tipo di cavolo nero che probabilmente è il progenitore del famoso «Cavolo nero di Toscana», da sempre ben conosciuto e apprezzato in questa regione e non solo.

Il cavolo nero toscano è il più interessante e meritevole tra i cavoli da foglia. Per la sua elevata rusticità e la notevole resistenza alle basse temperature il cavolo nero non manca mai negli orti toscani.

La raccolta del «Cavolo nero di Toscana» inizia a partire da ottobre e prosegue nei mesi successivi fino all’inizio della primavera.

Le foglie di questi cavoli si consumano lessate e condite, come gli altri cavoli, e sono ingredienti indispensabili delle minestre.

La ricetta della Minestra di cavolo nero

La cucina tipica toscana è ricca di ricette buonissime e genuine, fatte con ingredienti sani, proprio come una volta.

La preparazione di queste ricette è piuttosto semplice.

Per chi vuole sperimentare le prelibatezze della cucina toscana ecco la ricetta della Minestra di cavolo nero:

1. Fare ammollare i fagioli per una notte in una ciotola piena d’acqua;

2. Pulire e tritare carota, cipolla e sedano e farli rosolare metà in una casseruola per 2-3 minuti, con 2 cucchiai di olio extravergine e una foglia di alloro;

3. Aggiungere pomodori senza buccia e 2 mestoli di brodo;

4. Fare cuocere per 10 minuti, quindi salare e pepare;

5. Lavare e mondare il cavolo nero, eliminando la base e staccando le foglie;

6. Fare rosolare in un’altra pentola la metà del trito di odori rimasta con l’olio extravergine rimanente, unire una fetta di guanciale tagliata in due, le patate pelate e ridotte a dadini, il cavolo nero e i fagioli scolati;

7. Lasciare insaporire per 2-3 minuti, poi unire il brodo rimasto, la salsa di pomodoro; alla fine, eliminare il guanciale;

8. Nel frattempo fare abbrustolire le fette di pane nel forno e strofinare con l’aglio;

9. Servire la zuppa nelle scodelle con 1 fetta di pane.

La Minestra di cavolo nero rappresenta un forte legame con la tradizione toscana.

Villa Campestri Olive Oil Resort dà la possibilità di vivere al massimo la relazione tra passato e futuro all’interno di un ambiente rilassante e adatto a tutte le persone.

Scoprite le delizie della tradizione nel nostro resort!

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

Gli artisti del secondo Rinascimento

Nel corso del Quattrocento si verifica in Italia un vasto rinnovamento culturale che prende il nome di Rinascimento. Scopri con noi quali sono i più grandi artisti del secondo Rinascimento!

Cosa fare a Ferragosto 2019 nel Mugello

Si avvicina anche quest’anno uno dei momenti più attesti dell’estate: Ferragosto! Scopri con noi cosa fare a Ferragosto 2019 nel Mugello!

La Fiera Calda di Vicchio 2019: info e programma

Ogni anno a Vicchio si svolge un’antica festa legata alle tradizioni di questo bellissimo paese nel Mugello. Scopri con noi tutte le info e il programma della Fiera Calda di Vicchio 2019!

Dove imparare ad andare a cavallo vicino a Firenze

Per diventare buoni cavalieri non è necessario iniziare a praticare l’equitazione in tenera età, per questo l’equitazione è uno sport che presenta aspetti senza dubbio attraenti per tutti. Ecco quali sono i migliori posti dove imparare ad andare a cavallo vicino a Firenze!

Quali sono i migliori dolci tipici della Toscana?

I dolci toscani rappresentano una parte fondamentale della cultura culinaria regionale. Genuini, gustosi e ancora più buoni se accompagnati da un buon bicchiere di Vin Santo. Scopri con noi quali sono i migliori dolci tipici della Toscana!

Sagra del Cinghiale e del Tortello a Borgo San Lorenzo: tutte le info

I tortelli mugellani col ripieno di patate racchiudono un’autentica ricetta tradizionale toscana. Non c’è occasione migliore per gustarli che alla Sagra del Cinghiale e del Tortello a Borgo San Lorenzo: scopri tutte le info!

Breve guida su come degustare l’olio extravergine d’oliva

Come il vino anche l’olio extra vergine d’oliva viene degustato e valutato secondo regole precise. Scopri in questa breve guida come degustare l’olio extravergine d’oliva!

Convento Bosco ai Frati Mugello

Nel bellissimo comune toscano di San Piero a Sieve è situato il famoso Convento Bosco ai Frati del Mugello. Scopri con noi la sua storia!