Blog

Visitare il Mugello

visitare il mugello

Visitare il Mugello? Benvenuti nell’altra Toscana

Il Mugello è quel territorio della Toscana che si estende a nord di Firenze, ricco di bellezze storiche ed artistiche e costellato di piccoli paesi e borghi da scoprire.

Sempre più spesso “visitare il Mugello” assume un significato nuovo legato alle mode del momento: l’Autodromo del Mugello, nel comune di Scarperia, dove ogni anno si svolge il Campionato Mondiale di Motociclismo, e l’outlet Barberino Designer McArthurGlen rappresentano punti di riferimento turistici fondamentali.

Non tutti sanno però che qui sono nati i grandi maestri del Rinascimento come Giotto, Beato Angelico, Andrea Del Castagno e che da qui proveniva la più potente famiglia fiorentina della storia, i Medici.

Visitare il Mugello per riscoprire l’Arte ed i tesori classici rinascimentali, per poter vivere il territorio con uno spirito completamente mutato significa ritrovare il contatto con la nostra storia e le nostre vere tradizioni

Che cosa vedere nel Mugello

Entriamo in punta di piedi all’interno di questa magica realtà e scopriamo cosa può offrire ai suoi ospiti più attenti, cosa poter vedere nel Mugello e cosa apprezzare di tutte le meraviglie che sa regalarci ad ogni passo.

Nel Medioevo dal Mugello passavano le più importanti vie di comunicazione che collegavano Firenze con Bologna.

L’arteria principale si chiamava “La Via di Sant’Agata”.

Qui, prima del 1000, fu costruita la magnifica Pieve di Sant’Agata, uno dei più significativi edifici romanici della Toscana.

Nell’Oratorio cinquecentesco della Pieve sono raccolti pitture, sculture ed opere d’arte minore di arte sacra medievale.

Sempre a Sant’Agata si consiglia la visita del Villaggio Preistorico a dimensioni naturali dove sono riprodotte 3 capanne dell’epoca: una dei cacciatori dell’era paleolitica, una di agricoltori e allevatori dell’Età del Bronzo e una dell’Età del Ferro con tanti oggetti della vita quotidiana del tempo.

Al centro Polivalente di Sant’Agata si trova il Museo di Vita Artigiana e Contadina con personaggi in movimento e scene ideate e realizzate da Faliero Lepri, detto Leprino, a partire dal Dopoguerra.

In più di 90 anni, Leprino ha creato e realizzato con ingegno e abilità memorie e storie da conservare e tramandare.

I personaggi, costruiti con un telaio in legno, all’interno del quale sono inseriti motori elettrici, sono ricoperti di cartapesta, rivestiti con abiti in stoffa, secondo la foggia dell’epoca quando Leprino era bambino (erano gli anni 40-50) e collegati tra loro da una fitta rete di fili elettrici, in maniera da muoversi in sincronia.

Ogni personaggio riproduce fedelmente i gesti del proprio ruolo.

Gli edifici sono in cartone, mentre gli attrezzi e gli utensili sono di legno e di alluminio.

Perché visitare il Mugello?

Angolo meno battuto dal turismo tradizionale, il Mugello è terra natale dello stile Liberty in quanto uno dei suoi maggiori esponenti, Galileo Chini, fondò nel 1906 a Borgo San Lorenzo la “Fornace di San Lorenzo” insieme al cugino Chino Chini.

Interessante l’Itinerario Liberty proposto dall’Associazione Mugello Culla del Rinascimento alla scoperta del Liberty con visita al Museo della Manifattura Chini e visita del centro storico di Borgo San Lorenzo.

Ricco di storia anche l’itinerario alla scoperta delle Ville Medicee cioè le residenze della famiglia fiorentina che ha sempre mantenuto uno stretto legame con questa terra.

Bellissimi il Castello del Trebbio, il Castello di Cafaggiolo e la Fortezza Medicea di San Martino a San Piero a Sieve costruita da Cosimo I nel 1569.

Una sosta interessante è il maestoso Palazzo dei Vicari a Scarperia, uno dei Borghi più belli d’Italia, oggi sede del Museo dei Ferri Taglienti che dedica uno spazio espositivo all’attività artigianale più importante di questi luoghi fino dal Medioevo, cioè l’arte della fabbricazione dei coltelli (le tipologie più famose di coltelli prodotti a Scarperia sono la Zuava, la Mozzetta e il Fiorentino), forbici e lame taglienti in genere.

Nel Convento dei Bosco ai Frati, vicino a Galliano, è custodito un crocifisso ligneo attribuito al Donatello, prodotto in legno di pero e laccatura in gesso.
Il Convento fu fondato dagli Ubaldini prima dell’anno 1000 ed è considerato uno dei più antichi della Toscana.

Immersa in boschi secolari di querce, faggi e castagni sorge l’antica Badia Vallombrosana di Moscheta, fondata nel 1034 da San Giovanni Gualberto ed ora di proprietà della Regione Toscana.

All’interno del complesso architettonico della Badia si trovano il Museo del Paesaggio Storico dell’Appennino, il laboratorio dedicato all’educazione ambientale, l’ostello, l’agriturismo, il ristorante ed il maneggio.

Ecco spiegato il motivo per il quale visitare il Mugello con occhi diversi può portare a scoperte affascinanti e ad esperienze spirituali che non scorderete.

Turismo in Mugello, una Toscana alternativa

Oltre all’interesse storico ed artistico di questo territorio, anche la tradizione enogastronomica assume particolare interesse nel Mugello.

L’enogastronomia, assaporata in chiave turistica, è uno degli elementi chiave che dona nuova vita al turismo nel Mugello.

Ogni martedì mattina a Borgo San Lorenzo si svolge il Mercato dei Produttori Agricoli del Mugello.

Il più tipico dei piatti Mugellani è il Tortello di Patate.

Ogni famiglia ha la sua ricetta che si tramanda di generazione in generazione ma i Tortelli sono pasta sfoglia ripiena di patate lessate e saltate con un trito di aglio e prezzemolo, parmigiano e pecorino.

La Strada del Chianti Rufina parte proprio dal comune di Dicomano a soli 6 Km da Villa Campestri.

La Strada è costellata di aziende vitivinicole che producono un Chianti DOCG di altissima qualità, il Chianti Rufina.

Nel Mugello notevole è anche la produzione casearia e di ottime carni, di marroni IGP e deliziosi insaccati.

Visitare il Mugello rappresenta per noi un percorso completo di sensazioni, sapori e tradizioni che crediamo sia d’obbligo tramandare agli abitanti di Villa Campestri, un’eredità che accomuna chi vive da anni in questi territori e chi vi si avvicina per poi non separarsene mai più.

Quick Booking


  • Data di Arrivo:

  • Notti:

  • Camere:

  • Adulti:

  • Bambini:

Gli artisti del secondo Rinascimento

Nel corso del Quattrocento si verifica in Italia un vasto rinnovamento culturale che prende il nome di Rinascimento. Scopri con noi quali sono i più grandi artisti del secondo Rinascimento!

Cosa fare a Ferragosto 2019 nel Mugello

Si avvicina anche quest’anno uno dei momenti più attesti dell’estate: Ferragosto! Scopri con noi cosa fare a Ferragosto 2019 nel Mugello!

La Fiera Calda di Vicchio 2019: info e programma

Ogni anno a Vicchio si svolge un’antica festa legata alle tradizioni di questo bellissimo paese nel Mugello. Scopri con noi tutte le info e il programma della Fiera Calda di Vicchio 2019!

Dove imparare ad andare a cavallo vicino a Firenze

Per diventare buoni cavalieri non è necessario iniziare a praticare l’equitazione in tenera età, per questo l’equitazione è uno sport che presenta aspetti senza dubbio attraenti per tutti. Ecco quali sono i migliori posti dove imparare ad andare a cavallo vicino a Firenze!

Quali sono i migliori dolci tipici della Toscana?

I dolci toscani rappresentano una parte fondamentale della cultura culinaria regionale. Genuini, gustosi e ancora più buoni se accompagnati da un buon bicchiere di Vin Santo. Scopri con noi quali sono i migliori dolci tipici della Toscana!

Sagra del Cinghiale e del Tortello a Borgo San Lorenzo: tutte le info

I tortelli mugellani col ripieno di patate racchiudono un’autentica ricetta tradizionale toscana. Non c’è occasione migliore per gustarli che alla Sagra del Cinghiale e del Tortello a Borgo San Lorenzo: scopri tutte le info!

Breve guida su come degustare l’olio extravergine d’oliva

Come il vino anche l’olio extra vergine d’oliva viene degustato e valutato secondo regole precise. Scopri in questa breve guida come degustare l’olio extravergine d’oliva!

Convento Bosco ai Frati Mugello

Nel bellissimo comune toscano di San Piero a Sieve è situato il famoso Convento Bosco ai Frati del Mugello. Scopri con noi la sua storia!